Comune di Galliera Veneta

Applicazione per smartphone di Etra - Servizio Rifiuti

La raccolta differenziata? Si fa con il cellulare!
Disponibile gratuitamente la nuova applicazione mobile di Etra
 
 
 
Per scaricarla collegatevi al sito di ETRA:

http://www.etraspa.it/index.php?pid=07033c6ba1c25e1d3e58152de1e79898

Non servono numeri o ricerche particolari per sapere quanto sono diffusi nel nostro territorio gli smartphone, cellulari intelligenti con moltissime funzionalità. È innegabile che questi sono strumenti utili e che, se usati come si deve, possono facilitare la vita, soprattutto se ci aiutano nei compiti quotidiani come la separazione dei rifiuti. Provate allora a mettere insieme tecnologia e rifiuti: il risultato è la differenziata in touch screen!
 
È disponibile oggi “Etra servizio rifiuti”, la nuova applicazione per smartphone di Etra dedicata alla raccolta differenziata. Si trovano diverse “app” di questo genere negli store on-line, ma la nuova applicazione della multiutility è l’unica garantita e dedicata agli utenti dei 65 Comuni in cui l’azienda si occupa del servizio di raccolta. «L’applicazione sarà aggiornata in tempo reale qualora ci siano delle variazioni nel servizio rifiuti. – commenta Stefano Svegliado, presidente del Consiglio di gestione di Etra – Essendo noi i gestori, possiamo garantire tempestività nella revisione e correttezza dei dati pubblicati».
 
Come si scarica
Scaricabile gratuitamente dagli store, negozi virtuali del proprio sistema operativo (Apple, Android e Windows), l’app trasforma il cellulare in un assistente personale, costantemente aggiornato e con la risposta sempre pronta: dove butto le lattine? Come devo conferire l’umido? Cosa devo esporre stasera? Qual è l’isola ecologica più vicina a casa mia? E il mio Centro di raccolta di riferimento dove si trova?
«Scaricare l’applicazione è molto semplice: basta avere uno smartphone con connessione internet, accedere allo store on-line (Apple store, Google play o Windows phone) dal proprio dispositivo e scrivere “Etra” nella casella di ricerca. Apparirà l’icona (che è il logo di Etra) e basterà procedere all’installazione» precisa Svegliado.
 
I servizi
A installazione avvenuta, l’utente dovrà profilarsi inserendo nella prima schermata poche ma indispensabili informazioni: oltre al nome del profilo, servirà completare il campo “Comune” e, eventualmente, la zona di residenza. Spiega il presidente Stefano Svegliado: «L’utente potrà creare più di un profilo, differente per Comune, opzione che abbiamo inserito per chi abita e lavora in due Comuni diversi, ma anche per chi risiede in pianura e trascorre qualche giorno di vacanza nell’Altopiano di Asiago o sul massiccio del Grappa, stazioni turistiche di grande interesse che la nostra azienda ha l’importante compito di tutelare».
 
In base al Comune di residenza, visto che esistono da un luogo all’altro metodologie diverse di conferimento (che possono essere “porta a porta”, “stradale” o “mista”), l’applicazione informa il cittadino sulle corrette modalità di raccolta. Per tutti i Comuni è possibile trovare informazioni sul conferimento delle principali categorie di rifiuto; attraverso un motore di ricerca o, scorrendo un elenco di 250 voci, sapere dove buttare uno specifico tipo di scarto. Il collegamento al gps, inoltre, consente di visualizzare sulla mappa lo Sportello di Etra più vicino, il Centro di raccolta di riferimento e, dove presenti, le isole ecologiche e i press container.
Nei Comuni in cui è attivo il “porta a porta”, la schermata principale è il calendario della raccolta differenziata.
Per i più smemorati l’applicazione prevede la possibilità di attivare le notifiche di conferimento: un avviso comparirà sul telefonino il giorno prima del ritiro previsto, così da ricordare all’utente che cosa “passa il giorno dopo”.
 
Per qualsiasi dubbio, il link diretto dalla sezione “Info” consente di chiamare il Numero verde gratuito di Etra o inviare una mail di richiesta.
 
Stay tuned!
«L’applicazione sarà aggiornata periodicamente e verrà implementata con nuove funzionalità nell’arco dell’anno, anche a seguito delle segnalazioni e dei suggerimenti che arriveranno dagli utenti. – spiega Manuela Lanzarin, presidente del Consiglio di sorveglianza di Etra – Abbiamo voluto offrire ai cittadini uno strumento in più, comodo e preciso, per effettuare al meglio la raccolta differenziata, un tema sul quale non dobbiamo mai abbassare la guardia».